il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Gesù Cristo è una bufala?

Troppe persone si sono lasciate scandalizzare da un video chiamato Zeitgeist.
Ecco la risposta del Prof. Danilo Valla

17 commenti»

  trottolone93 wrote @

Cerchi di dimostrare la storicità di Gesù Cristo smontando le affermazioni di Zeitgeist, come se fossero le uniche possibili. Ma non solo, nonostante tu parta bene (riguardo Horus) poi arrivi a dire delle autentiche falsità. Comincio con il mettere le mani davanti: sono ateo, non credo in Dio, non credo in Gesù, non credo nella Bibbia, e penso che non ci siano prove storiche dell’esistenza di Cristo.

La storia di Cristo non è copiata di Horus, ma dagli astri. Non l’hai nemmeno negato, anzi hai detto che è normale, perché Dio ha scritto il Vangelo pure nelle stelle. Questa affermazione non è provata, ed è un modo di rigirare la frittata: anche gli altri miti simili potrebbero dire che il loro Dio ha scritto ciò negli astri, e quindi i Vangeli sono tra i “copiatori”.

Poi affermi che la lepre è un ruminante. La lepre non è un ruminante, ma lo sembra; quindi gli scrittori della Bibbia hanno pensato bene di scriverlo, sbagliando clamorosamente.

Come possiamo leggere da un’enciclopedia (giusto per citare le fonti):

“La lepre . . . presenta un fenomeno digestivo chiamato ‘ciecotrofismo’, che permette una piú completa utilizzazione degli alimenti di origine vegetale. Il cibo viene ingerito rapidamente durante la pastura, in modo analogo a quanto fanno i Ruminanti, e si accumula in grande quantità nel lungo intestino dell’animale. Successivamente quest’ultimo emette delle feci rivestite da una sostanza mucosa e di aspetto tipico; esse vengono formate nell’intestino cieco, ove al cibo parzialmente digerito sono aggiunte notevoli quantità di vitamina B12. La lepre inghiotte queste palline senza masticarle durante il riposo . . . e le sottopone ad un nuovo e più completo processo di digestione”. (Nel Mondo degli Animali, Milano, 1980, vol. III, p. 1651) A questo proposito un’altra opera (E. P. Walker, Mammals of the World, 1964, vol. II, p. 647) osserva: “Questo processo è simile alla ‘ruminazione’ di altri mammiferi”.

In sostanza, la lepre NON è un ruminante (non ha 4 stomaci), ma, visivamente, ha un processo simile. Gli autori della Bibbia, notando ciò, hanno erroneamente pensato che la lepre fosse un ruminante, e l’hanno scritto.

Poi affermi che la Bibbia non può sbagliare, è perfetta, è la Parola di Dio, quindi Gesù deve essere esistito. Beh, la Bibbia non è per niente perfetta, e di contraddizioni ne è piena.

Dice che gli uomini sono nati circa 6000 anni fa, mentre l’homo sapiens sapiens ha almeno 130.000 anni. Dice che Dio creò le piante prima del sole (e la fotosintesi?), la luce stessa, prima del sole. Prima gli uccelli, poi gli animali di terra, sbagliando. Inoltre, in Genesi 2 abbiamo un altro racconto della creazione totalmente differente e contradditorio.

Altre contraddizioni riguardano la storia del Diluvio Universale:

• La Bibbia dice che Noè caricò l’arca intera con due (o sette12) esemplari di ogni specie in un solo giorno. Ciò comporterebbe che Noè avrebbe dovuto caricare nel vascello, classificare e sistemare 480 specie al secondo.
• Noè portò nell’arca sua moglie, tre figli e tre nuore. Ogni persona avrebbe dovuto classificare, alloggiare, badare, nutrire, abbeverare e rimuovere gli escrementi di circa cinque milioni di animali, ogni giorno.
• Si dice che Noè abbia costruito un’arca totalmente in legno lunga circa 130 m. In effetti sono state costruite alcune lunghe imbarcazioni in legno, alcune lunghe persino 90 m, ma esse necessitavano di vasti rinforzi in metallo: un’opzione non disponibile per Noè. Inoltre, imbarcavano molta acqua, il che richiedeva l’utilizzo di pompe per rimuovere l’acqua dalla stiva, manovrate da una numerosa ciurma o meccanicamente, Le pompe a motore non erano disponibili a quell’epoca, e non c’erano abbastanza esseri umani sull’arca per pompare l’acqua manualmente.
• Molti animali possono sopravvivere solo in alcune piccole regioni della terra, dove le scorte di cibo e le temperature sono ideali. Queste specie non avrebbero potuto lasciare il loro habitat e spostarsi attraverso la giungla e il deserto per raggiungere l’arca; non sarebbero sopravvissute al viaggio.
• Non c’era un meccanismo in base a cui gli animali trovati solo in Nord America, in Sud America e in Australia avrebbero potuto attraversare gli oceani e arrivare all’arca.
• Non c’è traccia di un diluvio di proporzioni mondiali negli antichi scritti, templi, piramidi, sculture e quant’altro provenga dall’Egitto, dall’India o dalla Cina, che esistesse ai tempi di Noè. Inoltre, se davvero si fosse verificato un diluvio, allora tutte le prime civiltà del mondo sarebbero state completamente distrutte. L’intera popolazione del mondo sarebbe ammontata a otto persone, nei pressi dell’arca. Ci sarebbero voluti millenni per l’umanità, per ristabilirsi in Cina come in qualsiasi altro posto. E ancora, avrebbero sviluppato una cultura molto diversa da quella antidiluviana. Le testimonianze archeologiche in Egitto mostrerebbero un improvviso cambiamento che va dagli artefatti dell’antico Egitto, a nessun segno di civiltà, all’antica cultura israelita dopo il periodo del diluvio. Idem per la Cina, eccetera. Le testimonianze archeologiche mostrano che le varie culture non si sono interrotte, hanno continuato a svilupparsi in tutto il periodo in cui si suppone ci sia stato il diluvio. Per esempio, il Vecchio Regno egizio copre il periodo dal 2649 a.C. Al 2323 a.C., a cavallo del periodo in cui i conservatori religiosi credono che sia avvenuto il diluvio.
• Ci si potrebbe chiedere come abbiano potuto sopravvivere i pesci. Alcuni pesci necessitano di acque dolci, altri salmastre, altri salate. Con il Diluvio, la salinità di tutti i laghi del mondo sarebbe cresciuta drasticamente, estinguendo i pesci. Niente di tutto ciò è accaduto, tranne che in una zona: nel Mar Nero, all’incirca nel 5600 a.C. Molti scienziati credono che sia questa l’origine del mito del diluvio universale degli antichi babilonesi, che è stato adottato dagli antichi scrittori ebrei che hanno scritto la Bibbia.
• Alla fine del Diluvio, Dio fa comparire quello che si suppone sia il primo arcobaleno della storia, come segno dell’Alleanza con l’uomo. Ciò che sappiamo sugli arcobaleni fa ragionevolmente pensare che siano sempre esistiti.
• Poco dopo il Diluvio, quando in teoria sulla Terra sarebbero dovute rimanere solo persone che Dio considera rette, Canaan vede suo nonno, ubriaco, nudo (Genesi 9:20-27). Dunque Canaan viene maledetto e reso schiavo. Insomma, la punizione di Dio, tutti i bambini, le persone innocenti e gli animali morti, non sono serviti a nulla. L’onniscienza di Dio non gli ha permesso di prevederlo?

Satana non esiste nell’Antico Testamento, non per come lo presenta il Nuovo. Il serpente è solo un serpente, e viene detto che si tratta del Diavolo solo nell’Apocalisse. Quindi c’è una profonda incoerenza nel messaggio.

In questi versetti (Esdra 2:8 – Neemia 7:13; Esdra 2:12 – Neemia 7:17; Esdra 2:15 – Neemia 7:20; Esdra 2:19 – Neemia 7:22; Esdra 2:28 – Neemia 7:32) il numero dei figli delle persone citate non quadra. In alcune è maggiore il numero di Esdra, in altre quello di Neemia, quindi non la motivazione non è che è stato redatto in tempi diversi.

In questi versetti (Gb38:22-23; 37:6,15; 38:33-35,37; 36:32; 37:2-4; 38:25-29; 36:27-31; 37:10-13; Sal107:33-36; 135:6-7; 147:16-18; 148:8; Ger14:22; Am3:6; Is45:7; 44:27; 50:2-3; 51:15; Ger10:13; 5:24; 51:16; Naum1:2-6; Ab3:9-12; Am9:5-6; Ger31:35; Sir39:28-29; 43:3,13,15-17,19-21,27) è chiaro che le catastrofi naturali sono provocate da Dio.

Infine affermi che gli storici parlerebbero di Cristo. Questo è falsissimo. Prima di tutto, nessuno storico parla della Strage degli Innocenti. Nessuno parla dell’Eclissi di tre ore (di solito durano massimo 7 minuti, e quelle corte sono documentate) che avrebbe interessato tutta la terra (o tutta la giudea, a secondo dell’interpretazione). Nessuno parla di folle in delirio a Gerusalemme, miracoli, moltiplicazioni di pani e pesci, squarci nel tempio; nulla di nulla, come se non fosse mai accaduto.

Sulla figura di Cristo, i 4 storici che ne parlerebbero sono:

-Giuseppe Flavio, col Testimonium Flavianum. Questo è considerato dalla maggioranza degli storici un’ interpolazione tarda, per svariati motivi:Giuseppe Flavio, alias Giuseppe Ben Mattia, ribelle giudeo passato al soldo dei romani, visse in Giudea fino al 70 d.C.; suo padre era un alto sacerdote del Tempio di Gerusalemme. Avrebbe dovuto conoscere alla perfezione fatti e notizie riguardanti Gesù e gli apostoli, se essi avessero compiuto le gesta narrate dai Vangeli e avrebbe dovuto sapere della strage degli innocenti, del terremoto e dell’ eclisse di 3 ore avvenuti alla morte di Gesù.Invece non ne fa parola. Niente di niente, a parte 8 striminzite righe che interrompono stilisticamente un contesto narrativo fluido e lineare, esprimendo un concetto completamente contrario al senso dell’ intera opera.

Nessun padre della Chiesa, Vescovo o Papa menziona il Testimonium Flavianum fino al 300 d.C. circa, nonostante il fatto che gli scritti di Giuseppe Flavio fossero conosciutissimi all’ epoca e che una testimonianza del genere avrebbe potuto legittimare e provare incontrovertibilmente l’ esistenza storica di Gesù, che veniva messa in dubbio già dal 1° secolo d.C.

Nessuno ne fa parola, invece: gli apologisti e i padri della Chiesa cristiani del II e del III secolo come Ireneo e Tertulliano, conoscono l’opera di Giuseppe Flavio e ne fanno più volte menzione, ma NON citano questo brano, nonostante la sua indubbia utilità. Lo stesso Origene nel 250 d.C. scrive per due volte che Giuseppe Flavio non crede che Gesù sia Figlio di Dio.

Questo significa che Origene, malgrado conosca bene gli scritti di Giuseppe Flavio, non cita il Testimonium Flavianum, segno che all’ epoca l’ Opera non contenesse questo brano.

Il primo che ne fa menzione è Eusebio di Cesarea intorno al 325 d.C.; Euserbio di Cesarea viene ritenuto inattenbile, intellettualmente disonesto e manipolatore di testi dalla maggioranza degli storici, fin dall’ antichità.

Eusebio di Cesarea venne accusato dagli stessi cristiani di FALSIFICARE scritti storici o dottrinali e di INVENTARE storie leggendarie prive di fondamento, al solo scopo di acquistare potere temporale e ricchezze materiali, di cui era bramoso: il vescovo Eustazio di Antiochia lo denunciò ufficialmente durante il Concilio di Nicea nel 325, accusandolo di manipolare l’ intera dottrina paleocristiana e ariana e di fabbricare testimonianze per avallare le sue tesi.

In tempi recenti, inoltre, è stata rinvenuta una copia delle opere di Giuseppe Flavio, risalente al X° secolo d.C., in cui il brano contenente il Testimonium Flavianum è completamente differente.

-Svetonio. Parla di un “Chresto” istigatore di folle vissuto nel 54 d.C. Non vedo come lo si possa collegare a Gesù.

-Tacito menziona un personaggio soprannominato Christo/ Chresto FONDATORE della setta degli Zeloti Chrestianoi:« Il fondatore di questa setta, il Cristo, aveva avuto il supplizio sotto il regno di Tiberio, per ordine del procuratore Ponzio Pilato. Momentaneamente repressa, la funesta superstizione si scatenò di nuovo non soltanto nella Giudea, culla del male, ma in Roma stessa »
(Tacito, Annali, XV, 44)

Ponzio Pilato era prefetto, non procuratore, ai tempi. Il fondatore della setta messianica fu Giuda di Gamala, proclamato Messia (Cristo) all’ inizio del primo secolo d.C.; non Gesù.

Messia (Cristo), nell’ ambito dell’ ebraismo messianico, è un appellativo che indica un condottiero, un re, un alto sacerdote, un aspirante al trono o un profeta illuminato e ispirato da Dio a guidare il popolo ebraico, non il “Figlio di Dio”.

Nel solo periodo che va dal 70 a.C. al 136 d.C. in Palestina vi furono ben 62 rivolte, guidate da altrettanti “Messia”!Alcuni nomi di messia vissuti nel corso del primo e secondo sec. d.C. di cui si ha testimonianza sono: Simone Bar Jora, Giovanni di Giscala, Giuda di Gamala e Simon Bar Kokheba.

Come vedete, Gesù Cristo È UNA BUFALA.

Alex

  scegligesu wrote @

caspita alex😛
ho visto poche persone interessate a Gesù come te.

senza neanche prendere il discorso sulle fonti delle tue affermazioni, e passando sopra le cose che è possibile capire con alcuni ragionamenti, quello che ti rimane da fare e provare a conoscere Gesù personalmente.

non ci si convince di una cosa e non si fanno determinate scelte solo in base a degli scritti o a delle affermazioni, perciò metti da parte queste storie e chiedi a Dio di farsi conoscere nella tua vita.

puoi farlo nella tua stanza e non ti vedrà nessuno, così non servirà fare un’errata corrige davanti a tutti..😛 non preoccuparti. so che Dio lo farà😉

p.s.: manda le tue considerazioni al professore e poi girami la risposta.😉

  trottolone93 wrote @

Ciao “scegligesu”,
ho mandato queste considerazioni al professore (credo, era PiccoloMichela su Youtube) lo stesso giorno in cui ho inserito questo commento qui (credo fosse sabato). Non mi ha ancora risposto.

Sono interessato bene o male a tutte le religioni, principalmente perché i miei genitori (cristiani non appartenenti a nessun gruppo specifico) hanno molti amici Testimoni di Geova che mi hanno “cresciuto” con le loro credenze. Verso i 12 anni (4 anni fa quindi) me ne sono liberato, ora sono agnostico tendente all’ateo e convinto evoluzionista.

Noto con non troppo stupore che non hai risposto alle mie domande nel merito, mentre in teoria la Bibbia dovrebbe darti tutte le risposte e non dovrebbe sbagliare… quindi, mi puoi spiegare perché a me sembra che ci siano delle contraddizioni?

Ho provato a pregare, a cercare di sentire Gesù nella mia vita, ma non è mai successo nulla. Per fortuna, non ne sento il bisogno.

Alex

  scegligesu wrote @

Cercherò di fare una breve tesi di laurea per rispondere a tutte le considerazioni.😛 Pazienta un pò.

Spesso il problema è questo:
crescere con delle credenze ma non
CRESCERE CNO DIO.

Mi meraviglio ogni volta perchè è più semplice di quello che sembra.

Se non sentissi il bisogno (o possiamo usare altri sinonimi) non “perderesti tempo” con questi interrogativi e sono contento che tu l’abbia fatto.

Scusami se ti ho risp tardi ma è un periodo in cui il tempo è sempre poco.

Punto

  trottolone93 wrote @

Ciao Punto,

forse ho bisogno di Dio, sì, ma come faccio se ormai ho scoperto che non esiste realmente?

Continuo ad aspettare la tua breve tesi di laurea😄

  davidegatt wrote @

vorrei farti una domanda io prima che rispondiamo:
fai queste domande perché vuoi veramente capire SE Dio esiste, o perché vuoi perdere tempo ad attaccare con la mente già chiusa in partenza(ad un eventuale contrattacco si intende)?

  trottolone93 wrote @

E tu, fai questa domanda per riuscire ad evadere le mie domande, dicendo che ho la mente chiusa e non vale la pena rispondermi?

Non lo so perché lo faccio: spero che qualcuno mi possa spiegare dove sbaglio, così che io possa credere in Dio. Fino ad ora, nessuno mi ha saputo rispondere.

Alex

  Tony wrote @

Ciao Trottolone93,

qualcosa da leggere che ho scritto alcuni giorni fa.

http://www.noisiamolarivoluzione.com/06/12/2009/e%E2%80%99-il-cristianesimo-una-stampella-sociale/

a presto
Tony, noisiamolarivoluzione.com

  teresa wrote @

gio:5;24 in verita’inverita’io vi dico:Chiascolta la mia parolae crede a colui che mi ha mandato, sono una figliuola di dio e ti posso testimoniare che solo al momento che ho creduto e non sono andata a cercare vani ragionamenti cristo si e rivelato nella mia vita ricorda dio e’verita’.

  trottolone93 wrote @

LOL, per la serie “credi senza farti domande”

  teresa wrote @

e no sai,ti sbagli di grosso.dopo ascoltato eincredula di quello che mi dicevano ho giudicato queste persone pazze ,e quando leggevo la bibbia non volevo credere l’antico testamento mi parlava di un dio senza amore non poteva essere che quel dio era il creatore della creatura.ma poi ho iniziato a chiedere se tu esisti ti voglio conoscere per chiederti come mai questo vivere e lontano da te.egli e signore ,e come un vero signore si erivelato alla mia vita rivelandosi non solo vivente ma operante amoroso donatore e come dice la sua parola ,mi sarete figli efigle e per grazia in cristo gesu’,posso dire lo sono.

  scegligesu wrote @

Ciao Alex,
scusa il ritardo, ma come promesso voglio rispondere alle tue domande visto che sembri seriamente interessato.

Volutamente inizio a rispondere sull’argomento della storicità di Cristo, perché se non si potesse rispondere su questo, non avrebbe senso rispondere a tutto il resto.

Innanzitutto devo precisarti che le testimonianze storiche extrabibliche su Gesù non sono solo quelle da te citate, ma c’è ne sarebbero ancora altre. Comunque comincerò a risponderti su queste di cui hai parlato tu:

– è vero che viste le origini di Giuseppe Flavio lui poteva sapere molto su Gesù e ne parla molto poco, ma è anche vero, che egli essendo sicuramente contro Gesù, non aveva nessun interesse a parlare delle sue gesta(essendo appunto figlio di un sacerdote del tempio, uno dei principali nemici di Gesù). In ogni caso non è vero che quello è l’unico punto dove Flavio cita Gesù, infatti un paio di paragrafi più avanti(Antichità giudaiche XX, 9.1) egli descrive le azioni del sommo sacerdote Anania e parla di come fece uccidere Giacomo, specificando che era il fratello di Gesù, detto “Cristo”. Anche da qui si capisce come Flavio aveva interesse ad esaltare le gesta dei sacerdoti, e non di Colui che i sacerdoti hanno voluto a tutti i costi uccidere. E poi, come tu stesso hai detto, Origene scrive che Flavio non credeva che Gesù era Figlio di Dio, ma non scrive che Flavio non credeva che Gesù fosse esistito, perché non c’è bisogno di precisare che una persona non è il Figlio di Dio se non è mai esistito. Che Flavio non credeva che Gesù era il Figlio di Dio siamo tutti d’accordo, visto quello che gli avrà raccontato il padre!(preciso che lui è nato nel 37 d.C., quindi non ha potuto vedere personalmente Gesù).

Per il resto mi sembra un tantino riduttivo il modo in cui hai confutato le altri fonti:

– Anche se Tacito sbaglia nel dire “sotto la procura di Pilato” visto che lui era un prefetto, questo non può annullare in nessun modo il riferimento a lui, e visto che Giuda di Gamala fu ucciso nel 6 d. C., e Pilato governò dal 26 al 36, è chiaro che il Cristo a cui si riferisce non poteva essere Giuda di Gamala, anche perché, Tacito aggiunge: “brevemente soffocata, questa rovinosa superstizione proruppe di nuovo, non solo in Giudea, terra di origine del flagello, ma a anche a Roma”. Non mi pare che la rivolta guidata da Giuda di Gamala, fu solo brevemente soffocata e poi proruppe fino a Roma, ma sappiamo che fu soffocata e basta! Mentre sappiamo che ciò che Gesù ha iniziato, proruppe fino a Roma e oltre!

– Sventonio non specifica che il “Chrestus” a cui si riferisce era vissuto nel 54 d.C., ma dice: “poiché i Giudei, istigati da Chrestus, erano fonte di continui disordini, egli(Claudio) li cacciò da Roma”. Non essendoci altre figure in quel tempo che potevano essere riconosciuti come “istigatori” dei giudei, molti storici pensano che si sia trattato di un errore grammaticale, nel seguente link si parla di questa ipotesi: http://it.wikipedia.org/wiki/Fonti_storiche_non_cristiane_su_Ges%C3%B9. È curioso anche il fatto, che Luca in Atti 18:2 cita proprio quest’avvenimento. In un’altra opera Sventonio scrive: “Nerone inflisse una punizione ai cristiani, una classe di uomini presi da una nuova e pericolosa superstizione” (Vita dei Cesari, 26.2). Supponendo che Gesù sia stato crocifisso intorno all’anno trenta, Sventonio, che non nutriva simpatie per il cristianesimo, pone i cristiani nella città imperiale almeno venti anni dopo, e riporta che essi soffrivano e morivano a causa della loro convinzione che Gesù Cristo era davvero vissuto, morto e resuscitato. È completamente assurdo pensare che ci siano persone disposte a morire per una bugia! Sicuramente mi risponderesti “molti lo fanno per le loro religioni”, ma la sostanziale differenza, è che in quel tempo, i martiri morivano per qualcosa che dicevano di aver visto! Non creduto perché qualcuno li ha indottrinati! È molto diverso! (perché magari, se per tutta la vita mi raccontano che andandomi ad ammazzare finisco in un paradiso con 72 vergini, rischio di crederci e farlo, ma non lo faccio perché veramente ho visto quel paradiso). I discepoli si sono fatti torturare e uccidere per una persona che dicono di aver visto! Quindi o erano un branco di pazzi… o è tutto vero! Ma è assurdo pensare che un branco di pazzi portano avanti un movimento che hanno poi abbracciato centinaia di milioni di persone!

Nel link riportato sopra, come avrai visto, ci sono tanti altri riferimenti storici diretti e indiretti oltre agli scritti di Sventonio. Ne potremmo citare tanti altri, ad esempio Luciano di Samosata (2° secolo d.C) ha scritto: “I cristiani, come voi sapete, adorarono un uomo, il noto personaggio che ha introdotto i loro riti, e per i quali è stato crocifisso.” (Sulla morte di Peregrino, 11-13).

Credo che questo argomento sia abbastanza chiaro, comunque in generale ti posso dire che quasi nessuno degli storici mette in discussione l’esistenza di Cristo, ma la sua identità. Naturalmente se vorrai parleremo anche di questo.

Parlavi anche del fatto che la bibbia contiene contraddizioni perché indica la lepre come animale ruminante, la risposta in questo caso è molto breve e semplice: la bibbia non poteva essere scritta secondo la moderna classificazione dei ruminanti, semplicemente perché (come è ben chiaro dal contesto), lo scopo di quelle scritture era dire al popolo di non mangiare quel tipo di animali. Quindi, per classificarli, li ha inseriti fra quelli che ruminano, visto che dall’esterno l’azione che sembrano svolgere è questa (Levitico 11:6). Sarebbe stato assurdo che Dio si metteva a dire: “non mangerete quegli animali che ruminano e quelli che presentano un fenomeno digestivo come il ciecotrofismo”, non poteva usare questo termine perché semplicemente non esisteva! Quindi ha usato il termine più vicino, infatti si dice comunque che la lepre è un “ruminante atipico”.

Poi dicevi che satana non esiste nell’antico testamento. Guarda bene! Giobbe 2:1, Zaccaria 3:2, 1Cronache 21:1.

Per quanto riguarda invece l’età dell’esistenza dell’uomo:
Ti ricordo che le tecniche radiometriche utilizzate per datare i fossili sono altamente discutibili. I milioni di anni che spesso si assegnano ai reperti archeologici sarebbero tutti da rivedere, visto che si sono sempre usate queste tecniche di misurazione con scarsi basi scientifiche.

Qui trovi tutti gli approfondimenti del caso:
http://www.answersingenesis.org/it/articles/nab/does-c14-disprove-the-bible

Guarda anche questo, tanto per darti una fonte non di parte:
http://centroufologicotaranto.blogspot.com/2008/01/i-problemi-della-datazione-dei-reperti.html

Gli studi di statistica demografica ci fanno notare qualcosa di molto curioso:
l’attuale tasso di crescita demografica globale è superiore al 2 % annuo e la popolazione ammonta a più di 6 miliardi di individui. La domanda è a questo punto, se la prima coppia di uomini risale a 4300 anni fa (collocazione temporale del diluvio) come dice la bibbia, o a un milione di anni fa con il primo Eoantthropus, come dicono gli evoluzionisti.

Con la cronologia biblica, ipotizzando che in questi 4300 anni il tasso di crescita medio sia stato dello 0,5%(2 figli e mezzo a famiglia, per intenderci) e una longevità media di ogni individuo di 40 anni, i conti tornano perfettamente.
Queste cifre sono ragionevoli, e anzi stimate per difetto, a dimostrazione che la cronologia biblica è perfettamente verosimile sotto ogni aspetto.
Mentre se consideriamo la cronologia evoluzionistica i conti non tornerebbero neanche ipotizzando tassi di crescita minimi.

Tanto per rimanere in tema di calcoli matematici, si può facilmente notare, come al ritmo attuale di erosione delle rocce, basterebbero pochi milioni di anni per far si che la vetta più alta della terra arrivi al livello del mare. Quanto dovevano essere alte quindi le vette dei monti 4 miliardi di anni fa, per arrivare oggi all’altezza che osserviamo?

Riguardo all’arca di Noè:
− sicuramente Noè non si è messo ad andare a caccia di leoni e di elefanti per portarli nell’arca, quindi Dio stesso ha preso il controllo di essi non solo per farli arrivare nell’arca, ma anche per farli convivere dentro per tutto il tempo del diluvio. Ciò è perfettamente coerente con il resto del messaggio della bibbia, perché non è l’unica volta che Dio prende il controllo di alcuni animali per adempiere la Sua volontà (Daniele 6:22/Numeri 22:28).

− non vero che gli animali da far entrare nell’arca erano cinque milioni, e non è neanche vero che la bibbia dice che sono entrati tutti in un giorno. Genesi 7 dice che Dio disse ha Noè di prendere una coppia per ogni specie di animali, non dice di razze, è questo stringe molto il campo, e oltre ciò, il verso 4 dello stesso capitolo specifica: “poiché di qui a sette giorni farò piovere..”. Quindi se Dio disse di prendere solo le specie animali, sette giorni prima del diluvio, credo che il tuo calcolo per definire la frequenza di ingresso degli animali dell’arca sia un tantino da rifare.

La bibbia ci dice precisamente che l’arca misurava 300x50x30 cubiti(1=45 cm). Aveva quindi una capacità volumetrica sufficiente per ospitare diverse decine di migliaia di animali!
Bastava prendere una coppia per ogni specie perché all’interno di ciascuna specie creata, Dio aveva posto un potenziale di variabilità formidabile, capace di consentirne in futuro l’adattamento una vastissima gamma di ambienti. Tali cambiamenti di tipo orizzontale, (intraspecie, operanti allo stesso livello di complessità), naturalmente, non costituiscono veri cambiamenti evolutivi (cioè cambiamenti in senso verticale, verso una specie più complessa). Questo processo biologico può anche essere definito “microevoluzione”, che i Cristiani (insieme a tutta la comunità scientifica) condividiamo tranquillamente, perché non si tratta di “nuovi caratteri” che sorgono per via di mutazioni, ma caratteri già scritti nel codice genetico che si manifestano in risposta ai cambiamenti ambientali.
Quello che non possiamo condividere è la “macroevoluzione”, che secondo i darwinisti dovrebbe verificarsi quando per onnipotenti casuali mutazioni genetiche, compaiono nuovi caratteri che porterebbero addirittura all’evoluzione a specie completamente diverse dall’antenata. Questo concetto, è spudoratamente contro ogni basilare principio di genetica perché:

− sappiamo tutti benissimo che non si è mai osservata, la comparsa di “nuovi caratteri positivi” causati da mutazioni genetiche, ma che le mutazioni portano sempre a cambiamenti degenerativi o in rari casi neutri.

− Sappiamo anche, che qualsiasi caratteristica somatica è codificata da diverse sequenze di nucleotidi, quindi per il cambiamento di una specifica parte somatica, occorrerebbero più mutazioni che contemporaneamente dovrebbero coinvolgere TUTTE quelle sequenze di nucleotidi riguardanti quel determinato carattere, cosa assolutamente assurda, a meno che.. non si creda nei miracoli! Ricordo che bastano piccolissimi errori nella disposizione delle sequenze dei nucleotidi per provocare malattie gravissime come la fibrosi cistica!

− In ogni caso, qualora ciò non bastasse, ci sarebbe da spiegare come hanno fatto a sopravvivere alla stessa selezione naturale, tutti quegli stadi intermedi che l’evoluzione propone. Ad esempio, allo stadio intermedio dell’evoluzione fra rettile e uccello, ci sarebbe dovuto essere un “mezzo pennuto” e “mezzo rettile”, che non ha più le caratteristiche di difesa ne dell’una, ne dell’altra specie. Un rettile grazie alle sue particolari squame si può facilmente muovere in mezzo ai cespugli senza rimanere incastrato, andare in acqua ecc.. un uccello invece può volare, ma un “mezzo pennuto” e “mezzo rettile” non poteva fare ne l’una e nell’altra cosa, come avrebbe fatto dunque, a sopravvivere quei milioni di anni necessari per la comparsa di tutti i nuovi caratteri vantaggiosi? Non si sarebbe dovuto estinguere subito proprio per i principi della selezione naturale???

Come questo si potrebbero fare altri miliardi di esempi, senza considerare che la teoria dell’evoluzione, si è sempre limitata a descrivere solo alcuni passaggi in cui almeno apparentemente sembra esserci una certa logica, ma sembra completamente evitare tanti argomenti per i quali forse non si saprebbe neanche da dove cominciare; si parla tanto di come si è passati da sostanze inorganiche a organiche, di come si è formata la cellula, di come la scimmia è diventata uomo, ma non ho mai visto nessuno neanche provare a spiegare come da cellula si è evoluta in un tessuto, come questo tessuto si è evoluto in organo, come l’organo si è unito ad altri organi per formare gli apparati, e infine come per Caso gli apparati si sono uniti fra di loro tutti insieme così in armonia per formare i corpi degli esseri viventi. È anche se ci fosse un modo per spiegare tutto questo, bisognerebbe spiegare come hanno fatto ha sopravvivere tutti gli organi prima di unirsi al sistema gastroenterico e respiratorio! O da cosa erano guidati senza il sistema nervoso! Tutto ci mostra, che il funzionamento di ogni componente dipende dall’altra, il che ci porta a pensare, che nessuna forma di vita complessa poteva esistere SENZA UNA CREAZIONE SIMULTANEA DI OGNI COMPONENTE!

Come vedi, ci vuole molta più fede per credere nell’evoluzione, che non a credere che è tutto frutto di un progetto intelligente. In America ci sono tantissimi scienziati che stanno contrastando CON DATI SCIENTIFICI ALLA MANO la teoria dell’evoluzione, anche se, stranamente, l’opinione pubblica Italiana di tutto ciò viene tenuta all’oscuro. Se tu non vuoi restarci, ci sono tanti libri scritti da autori non Cristiani (quindi non di parte) che ne parlano dettagliatamente, ecco un esempio:

http://www.tilsafe.com/libit/007-LDV-FDF/La+banalità+del+bene.+Come+nasce+una+predica+critica.html

Poi se vuoi, puoi leggerti anche quelli scritti dai cristiani, così in mezzo ai discorsi sull’evoluzione trovi anche quelli su Gesù:

http://www.clcitaly.com/live/articolo/index.php?query=009169

Che dirti ancora, saremo lieti se vuoi, di parlarne di persona.

  davidegatt wrote @

ciao Alex,
volevo chiederti se stavi prendendo tempo per rispondere o se stai ignorando il messaggio..

  trottolone93 wrote @

Ciao,
scusa, mi è arrivata ora la mail che mi ha avvertito del tuo messaggio, non so perché ma le altre non mi sono arrivate. Risponderò appena posso, scusate ancora

Alex

  trottolone93 wrote @

Interessante l’altro riferimento di Giuseppe Flavio, riguardo a Giacomo, farò qualche ricerca al riguardo ma sembrerebbe essere più probabilmente autentico rispetto all’altro.

Su Tacito, quello che sostengo è che visto il suo errore si tratti di un’interpolazione successiva, semplicemente.

Claudio regnò dal 41 al 54 d.C, quindi è impossibile che questo Chresto citato da Svetonio fosse Gesù, morto nel 33 d.C. L’argomento del farsi ammazzare per ciò in cui credevano non dimostra nulla; su che basi puoi dire che a quel tempo lo facevano solo avendo visto realmente? E se anche fosse, come puoi essere certo che non fossero stati ingannati?

I riferimenti del 2° secolo dopo Cristo si basano comunque su testimonianze evangeliche e dai cristiani, non certo dal fatto che gli avvenimenti siano realmente o meno accaduti.

Sulla lepre, non puoi dire che “non ci sono contraddizioni” e poi che Dio può fare delle piccole imperfezioni che non sono tali… non è corretto. Poteva dire che la lepre era abominio, senza alcun riferimento alla ruminanza o meno.

Su Satana, chiedi ad un qualsiasi ebreo e ti confermerà che il Diavolo non esiste: Satana era semplicemente un angelo che sottostà comunque a Dio e agisce per suo conto.

Sulla radiometrica: non ha alcun senso provare a datare della lava appena eruttata con il K40, che ha un tempo di decadenza di 1,3 miliardi di anni: in quei casi bisogna usare altri isotopi. Inoltre, perché non è citata alcuna fonte su questa misurazione del vulcano St. Helen?

Tra l’altro ho notato ora che l’articolo parla di 1,3 milioni di anni anziché miliardi, una bella menzogna.

L’articolo di answersingenesis, invece, come al solito è pieno di assurdità una dopo l’altra. Non si può assolutamente sostenere oggi che la Terra abbia meno di 10000 anni, quando milioni di fatti indipendenti portano tutti all’età di 4,5 miliardi di anni fa.

Riguardo la statistica demografica: Malthus ha mostrato come nonostante la popolazione cresca in modo esponenziale, il cibo non fa altrettanto, e per questo non si va mai oltre un certo limite. Anche volendo dare per buona l’età biblica, considerando che non ci sono solamente gli uomini ma anche gli animali, non avremmo più sufficiente spazio dove vivere in questo momento. La mancanza di risorse sufficienti per tutti porta all’equilibrio.

Mentre agisce l’erosione, contemporaneamente nuove rocce continuano a formarsi, attraverso forze costruttive di natura endogena. La Terra è in continuo movimento.

Una “specie” animale è un gruppo di animali reciprocamente in grado di avere prole fertile. Quello che i creazionisti contestano dell’evoluzione è proprio la possibilità della “speciazione”, ovvero che una specie può evolversi in un’altra. Se non erano tutte nel Diluvio, significa che successivamente si sono evolute, facendo cadere tutti i presupposti. Inoltre sappiamo che milioni di specie risalgono a parecchio tempo prima del Diluvio, ed è impossibile che si siano tutte evolute in fretta e furia in poche migliaia di anni.

Infine, perché tutti i marsupiali, una volta scesi dall’arca, avrebbero dovuto correre per raggiungere velocemente l’australia (nuotando?) senza lasciare alcun discendente altrove? Perché i pinguini corsero verso l’Antartide e non l’Artide? Si può fare questo esempio praticamente con qualunque animale: se la teoria del Diluvio fosse vera dovremmo aspettarci, nei limiti dell’adattamento all’ambiente, una biodiversità enorme nei pressi del monte Ararat, che diminuisce man mano che si espande a tutto il globo. Invece quello che succede è che la biodiversità è esattamente come dovrebbe essere se l’evoluzione fosse vera: i marsupiali in un solo continente, perché ci fu un marsupiale ancestrale da cui discendettero tutti gli altri, e così via.

Se definisci la “macroevoluzione” come un’aggiunta di informazioni tramite mutazioni casuali, devi assolutamente accettare che sia vera per due motivi:

– Ci sono esperimenti sull’Escherichia Coli durati ben 20 anni che, detto in sintesi, hanno sviluppato la capacità di nutrirsi del citrato.

http://myxo.css.msu.edu/lenski/pdf/2004,%20Plant%20Breeding%20Reviews,%20Lenski.pdf
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/10/11/con-darwin-in-pancia.html

– Le informazioni genetiche si trovano nei geni. I geni esistono in diverse varianti chiamate “alleli”. Il gene del colore degli occhi, giusto per fare un esempio, può essere l’allele “colore azzurro”, l’allele “colore marrone” e così via. Ogni persona possiede SEMPRE due varianti, due alleli, per ogni gene. Adamo ed Eva, quindi, avevano 4 alleli per ogni tipologia di gene. Eppure, al giorno d’oggi, esistono geni che hanno centinaia di alleli diversi. Se assumiamo che Adamo ed Eva sono realmente esistiti, dobbiamo comunque ammettere che mutazioni casuali hanno portato ad un notevole incremento di informazioni. In 6000 anni, tra l’altro, la questione diventa un po’ fantascientifica.

Ho letto ora che pensi che non sia stata mai osservata la comparsa di caratteri positivi da mutazioni. Beh, ti ho appena portato un riferimento, più la questione di Adamo ed Eva, per dimostrare che non è così. Posso citarne anche altre:

– La delezione di 32 coppie di basi nel gene umano CCR5 (CCR5-32) conferisce all’uomo la resistenza all’AIDS negli omozigoti, mentre ritarda i suoi effetti negli eterozigoti.
– La tolleranza al lattosio sempre data da una mutazione

Le mutazioni non devono avvenire contemporaneamente, come dimostra l’esperimento sull’Escherichia Coli che acquista la capacità di nutrirsi del citrato, ma soltanto i ceppi batterici che erano incorsi in un’altra mutazione casuale precedente. L’evoluzione si basa su piccoli passi alla volta, cumulabili, che non devono avvenire contemporaneamente.

Gli stadi intermedi sopravvivono eccome finché sono adatti al loro ambiente. Abbiamo trovato recentemente l’intermedi o di rana e salamandra (Gerobatrachus Hottoni) o tra pesce e anfibio (Tiktaalik roseae) o tra rettile e uccello (Confuciusornis).

L’embrione forma la vita a partire da una cellula fino a formare un organismo completo in 9 mesi, e questo non muore. Perché la selezione naturale non potrebbe averlo fatto in miliardi di anni? Ricordo che nella pancia l’apparato respiratorio e circolatorio, gastroenterico eccetera non si formano simultaneamente.

Gli scienziati che contestano l’evoluzione sono una sparuta minoranza che non scrive nessun articolo sottoposto al meccanismo del peer-review, basilare se si vuole essere considerati un minimo seri. L’evoluzione è un fatto tanto quanto è un fatto che esista l’atomo, solo che abbiamo una “teoria” dell’evoluzione e una “teoria” atomica che cerchino di spiegare le due cose. Se le teorie cadessero, non dimostrerebbero che non ci siamo evoluti o che non esiste l’atomo. Ormai siamo sicuri delle due cose, la “teoria” riguarda un modello che tenga considerazione di tutti i dati. Nello specifico, la teoria dell’evoluzione spiega “in che modo” questa avvenga, ma che avvenga è un dato di fatto accertato da milioni di fatti indipendenti e verificabili. Giusto per aggiungere cose di cui non abbiamo parlato:

– I cani sono stati “creati” dall’uomo che ha addomesticato i lupi. Tutte le razze oggi esistenti derivano dai lupi e sono molto diverse tra loro; eppure, la macroevoluzione non era impossibile?
– La teoria dell’evoluzione ha un ruolo importantissimo nella ricerca sulle malattie genetiche, gli antibiotici per resistere ai virus e nell’agricoltura, oltre che in molti altri casi
http://www.actionbioscience.org/evolution/pigliucci.html
http://evolution.berkeley.edu/evolibrary/search/topicbrowse2.php?topic_id=47

Perché un Progettista intelligente avrebbe agito esattamente come ci aspettiamo dalla teoria evolutiva, per esempio con il delfino? È un mammifero, non può respirare sott’acqua e ha dovuto rimediare tornando costantemente in superficie per prendere ossigeno. Dio non poteva dotarlo di branchie come ha fatto con i pesci?

Perché la retina dell’occhio è invertita, formando un punto cieco? L’occhio ha rimediato successivamente con piccoli aggiustamenti, come previsto dalla teoria dell’evoluzione. Dio sarebbe potuto tornare al tavolo da disegno e riprogettare per bene l’occhio per intero.

Stessa cosa per il nervo laringeo: dal momento che discendiamo dai pesci, che avevano bisogno che passasse per le branchie e si caricasse di ossigeno, anche nell’uomo questo fa una deviazione incredibile: si infila nel petto, gira attorno ad un’arteria, e torna alla sua destinazione lungo il collo, anziché trovarsi direttamente lì. Nella giraffa questo ha risultati paradossali, con il nervo laringeo lungo diversi metri inutilmente.

Anche i testicoli sono collegati al pene dall’interno attraverso un percorso ridicolmente lungo e scomodo, facendo una deviazione lungo l’uretere anziché cercare la via più breve.

La nostra storia evolutiva ha fatto sì che i nostri discendenti fossero quadrupedi, mentre noi, bipedi, non abbiamo ancora adattato sufficientemente la schiena a questa vita, provocandoci vari dolori e problemi.

I koala discendono da un animale simile al vombato, uno straordinario scavatore. Per questo aveva il marsupio al contrario, o i figli si sarebbero sporcati gli occhi di terra. Anche il koala, nonostante stia sugli alberi, ha il marsupio scomodamente invertito.

Perché se osserviamo il ghepardo e la gazzella la teoria evolutiva viene ancora una volta confermata, mostrando una “corsa agli armamenti” dispendiosa per entrambi ma necessaria alla sopravvivenza?

E perché se invece pensiamo ad un Progettista, vediamo che il ghepardo è progettato nel modo più perfetto per predare la gazzella, e guardando che la gazzella è esattamente quella che dovrebbe essere se dovesse sfuggire al ghepardo nel migliore dei modi?

È sadico? Ha senso dell’umorismo? O che altro?

Perché gli Icneumonidi paralizzano vivi i bruchi e inseriscono le loro larve all’interno del corpo del bruco, e queste larve mangiano il bruco dall’interno lasciando per ultimi gli organi vitali in modo che sia bello fresco?

Sperando in una risposta, e scusandomi ancora per il mio ritardo (non avevo notato la tua)

Alex

  trottolone93 wrote @

Riguardo i quadrupedi, volevo scrivere “progenitori” mentre ho scritto “discendenti”

  trottolone93 wrote @

Scusate ancora, è stato pubblicato il mio post di correzione ma non quello con le risposte alle domande:/


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: