il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Archivio per LuiLei&L’altro

LUI, LEI e L’ALTRO#extra

Buondì GIRLS ma soprattutto BOYS! 😉
Dopo il decalogo, forse un pò datato, della buona moglie cristiana ecco a voi il decalogo del buon marito cristiano. (grazie a michelemarino per avercelo chiesto in un suo commento).

Non manca l’ironia e sicuramente scapperanno dei sorrisi ma ricordatevi che sono comunque verità che dovremmo osservare ogni giorno. 😉

DECALOGO DEL MARITO CRISTIANO

1. Ama tua moglie come Gesù ha amato la chiesa e ha dato se stesso per lei.
Chi ama sua moglie ama se stesso.
Se non ce la fai amati di più.

2. Non avere altra donna all’infuori di lei.
Non credi che una basti?! ( 😛 )

3. Non farti calendari o immagine alcuna di altre donne, ne sulle pareti e ne sugli hard disk.

4. Non parlare delle cose intime di tua moglie invano.

5. Ricordati del giorno del suo compleanno e del vostro anniversario. Metti in ordine i tuoi affari negli altri giorni, ma nelle date per voi importanti dedicati solo a lei.

6. Onora tuo suocero e tua suocera, “affinché i giorni del tuo matrimonio ti siano prolungati”.

7. Vivi insieme a lei con il riguardo dovuto alla donna, come a un vaso più delicato e se non lo fai non lamentarti se le tue preghiere non vengono ascoltate.  (1Pietro 3:7)

8. Rendile tutta la comprensione che le è dovuta, ricordandoti che quei particolari che tu neanche consideri, per lei sono molto importanti. Sii quindi sensibile, creativo e romantico, non tralasciando mai di ripeterle ogni giorno che la ami. (un giorno si e un giorno no va bene comunque!)

9. Abbi cura di lei ogni giorno teneramente, trasmettendole la sicurezza di avere accanto un uomo, e ripeto, un uomo, che sa assumere pienamente le proprie responsabilità. Non dimenticare che il tuo compito è quello di essere il sacerdote della casa.

10. IN ALTERNATIVA, ricorda che in alcuni casi la bibbia contempla ANCHE il celibato!
…………………………………………………………..
E ORA LA PAROLA A VOI!
😛

LUI, LEI e L’ALTRO#extra

Siamo arrivati al penultimo appuntamento con la nostra rubrica “LUI,LEI&L’ALTRO”!

Oggi vi propongo un decalogo degli anni 50 sulla buona moglie cristiana 😛
Sono validi ancora tutti e dieci i punti? Quancuno andrebbe rivisto? FORZA DITE LA VOSTRA! 😉 BOYS&GIRLS.

Da un settimanale del 1950.
Decalogo della buona moglie cristiana.

1
Ama tuo marito, dopo Dio, più di ogni cosa al mondo e il prossimo tuo come meglio puoi : ma ricordati che la casa è di tuo marito e non del prossimo.
2
Considera tuo marito come ospite di riguardo e amico prezioso :e non come un’amica, a cui si raccontano le piccole noie. E di quest’amica , se puoi, fanne a meno.
3
Prepara a tuo marito una casa ordinata e un viso sereno per il suo ritorno; ma non ti adontare se non se ne accorge subito.
4
Non chiedere a tuo marito il superfluo per la tua casa ; chiedigli , se puoi, una casa ridente, uno spazio libero e quieto per i bambini.
5
Che i tuoi bambini siano sempre freschi e puliti come te ; che egli sorrida vedendoli ; che vi ripensi quando è lontano.
6
Ricordati che l’hai sposato per la buona e cattiva fortuna. Se tutti l’abbandonassero , tu dovresti tenere ancora stretta tra le tue la sua mano.
7
Se tuo marito ha ancora la mamma , ricordati che non sarai mai abbastanza buona per colei che lo ha cullato bambino tra le sue braccia.
8
Non chiedere alla vita quello che non ha dato mai a nessuno :la felicità perfetta. Se sei utile, sei già felice.
9
Se le pene arrivano, non avvilirti e non disperare : dopo il nuvolo viene il sereno. Se tu avrai fede in tuo marito egli avrà coraggio per tutti e due.
10
Se tuo marito si allontana da te, aspettalo. Se sta molto a tornare, aspettalo. Se anche ti abbandonasse, aspettalo ; perché tu non sei solamente sua moglie, sei l’onore del suo nome. Ed egli, un giorno , tornerà e ti benedirà.

LUI, LEI e L’ALTRO#extra

Boys&Girls,
presto la rubrica Lui,Lei&l’Altro terminerà lasciando spazio ad altre rubriche mooolte interessanti e curiose 😉
nel frattempo oggi lascio a voi spazio facendovi un “semplice” domanda 😛

Come si corteggia

una donna cristiana?

Don Giovanni, esperti d’amore, consulenti sentimentali e papà di lei 😛 forza dite la vostra!
Ma anche single, mollati, o collezionisti di “no”.. diteci cosa si dovrebbe fare ma soprattutto cosa non si dovrebbe fare 😉

Confido nei vostri interventi e consigli! 🙂
E NON SIATE PIGRI!!! Coraggio..

LUI, LEI e L’ALTRO#10

Due cuori ed un ombrellone!

Rientrati tutti dalle nostre splendide vacanze tocca fare un bilancio della caccia estiva: vediamo.. sette passano la selezione, tre sono i colpiti, uno l’affondato per tornare a casa con un po’ di abbronzatura (per chi ci riesce) qualche chilo in più e forse un numero di telefono!!
Chiamo o non chiamo…  questo è il problema: se sia più nobile d’animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna, o prender coraggio e fare sta benedetta chiamata!!
Complice il tempo a disposizione e la spensieratezza della vacanza, sembra che in estate molto si muova in fatto di conquiste e di amori  più o meno denunciati!

L’ALTRO:
la vede, la punta, accenna uno sguardo e studia la reazione di lei…. BINGO ci stà! Si passa allo stadio successivo: LA PAROLA, se lo scambio è interessante si va avanti, se non lo è, si va avanti lo stesso (in fondo è una bella tusa no??).

In Proverbi 31:30 è scritto: “La grazia è fallace e la bellezza è vana, ma la donna che teme l’Eterno, quella sarà lodata.” Come sempre Dio ci dà suggerimenti e non impone nulla, ma quando siamo pronti ad ascoltarlo le conseguenze dell’ubbidienza a Lui ci renderanno la vita più semplice e più completa – ovviamente ciò non vuol dire che la donna che teme L’Eterno non la si possa incontrare sulla spiaggia 😉


LEI:

dolce e romantica per lei il conquistatore arriva su un cavallo bianco (ma anche su una ducati monster) e la porta … ….a bere una dreher sulla spiaggia!!!

Immaginate per un attimo di aver letto un bel libro. La storia è interessante ed ognuno dei personaggi contribuisce ad animarla e a renderla unica. Ipotizzate che per assurdo abbiate comprato 20 copie dello stesso libro: non avreste difficoltà a regalarlo alle persone a cui tenete. Sarebbe diverso se (come nella normalità dei casi succede) aveste un’unica copia di quel libro.
Probabilmente avreste voglia di tenerlo solo per voi o magari di donarlo ad una persona speciale con cui poter condividere la magnifica storia raccontata.
Se possiamo pensare di custodire gelosamente qualcosa di materiale a cui teniamo, tanto più possiamo pensare di custodire la nostra unicità e di condivirla con La persona speciale e solo quella,  con la quale avremo voglia di scrivere il resto della storia!!!

Credo che niente meglio di PROVERBI 3:23  possa dipingere questo concetto
“Custodisci il tuo cuore con ogni cura, perché da esso sgorgano le sorgenti della vita”.

LUI:
Lui non ci ama solo in una stagione… siamo forse noi a volte, a renderci conto del Suo amore nei nostri inverni spirituali…
Lui ci ama incondizionatamente, anche quando sbagliamo;
Lui è lì sempre pronto a darci la mano per tirarci su;
Lui è il Sovrano delle nostre vite e l’unico in grado di raccolgiere i cocci quando siamo rotti e renderci delle nuove e splendide creature.
“Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome”
SALMO 23:3

Dio continui a benedirvi e…
…mi raccomando raccontateci delle vostre conquiste estive!! 😀

LUI, LEI e L’ALTRO#extra

Una fiaba dimenticata

C’era una volta una ragazza che domandò ad un ragazzo se voleva sposarsi con lei. Il ragazzo le rispose ‘NO!’ Da quel giorno, la ragazza visse felice per sempre, senza lavare, né cucinare, né stirare per nessuno, uscendo con le sue amiche, lavorando e spendendo i suoi soldi come voleva.
** FINE **

Il problema è che fin da quando eravamo piccoline , nessuno ci ha mai raccontato questa fiaba.
Invece ci hanno tormentato ben bene con questo sospirato “Principe azzurro”!!!

………………………………………………………

Quante cose diamo per scontato, vero?!
Solo perchè ci è stato insegnato così e non hanno smesso di assillarci con storie dove il mondo doveva per forza andare in quella direzione!
ho trovato questa FIABA in rete e devo dire che nasconde molte verità 😉
(NON sto dicendo che non ci si deve sposare 😛 e la mia riflessione va ben oltre i rapporti sentimentali!)

A volte pensiamo che la volontà di Dio sia la nostra, che i nostri tempi siano i suoi e poi ci accorgiamo che qualcosa non sta andando nel verso giusto 😐

è importante prendere le decisioni giuste
ma sopratutto farlo con Dio e non in base a quello che gli uomini dicono!

Dio ha preparato solo il meglio per noi! 😀

Proverbi 19:21

Ci sono molti disegni nel cuore dell’uomo,
ma il piano del SIGNORE è quello che sussiste.

………………………………………………….

Forse invece ancora non conosci Dio perchè nessuno ti ha mai raccontato chi è davvero! Gesù ti ama e vuole  solamente renderti felice, è morto e risorto per te ed ora è VIVO!
Metti da parte tutte le favole che ti hanno detto su di Lui e inizia a conoscerlo di persona!
Chiedigli col cuore di diventare il Signore della tua vita, di perdonarti per i tuoi errori e digli che lo vuoi conoscere e diventare un suo figlio!
Scoprirai che Dio è meraviglioso e ti chiederai perchè nessuno ti aveva mai parlato così di Lui! 😉

Dio continui a benedirvi!

LUI, LEI e L’ALTRO#9

BUONDì BOYS&GIRLS 😀
QUALCUNO DI VOI VUOLE FORSE DIVENTARE RICCO?!
E CHI NON LO VORREBBE AGGIUNGEREBBERO ALTRI.. ALLORA LEGGETE L’ARTICOLO DI OGGI! 😉

Lei: Tesoro, non hai neanche notato il nuovo colore dei miei capelli!
L’altro: Quando?

Lui: “La grazia è fallace e la bellezza e vana, ma la donna che teme l’Eterno, quella sarà lodata. Datele del frutto delle sue mani e le sue stesse opere la lodino alle porte.” PROVERBI 31:30-31
Sempre Lui: Similmente voi, mariti, vivete con le vostre mogli con la comprensione dovuta alla donna, come al vaso più debole, e onoratele perché sono coeredi con voi della grazia della vita, affinché le vostre preghiere non siano impedite.” 1PIETRO 3:7

Ancora una volta vogliamo sfaccettare le nostre considerazioni su un argomento serio – La povertà spirituale –  adottando simpaticamente diversi punti di vista con un sano pizzico di ironia.
Il minidialogo iniziale vuole essere una provocazione ma anche un modo volutamente stereotipato per farci riflettere su alcune dinamiche che accompagnano le nostre giornate.

Prima provocazione che vorrei lanciare alla ragazze,
che da sempre sono più brave dei ragazzi a prendersi cura di se stesse (sebbene grazie a Dio anche i maschietti si stanno attrezzando sul tema).
Quante volte al giorno ci soffermiamo a notare e commentare tra noi e con altri sulla nostra bellezza esteriore? Pensate un attimo prima di rispondere e siate oneste con voi stesse! Ed ora pensate quante volte al giorno pensiamo alla nostra bellezza interiore!
Vedete, è auspicabile che tutte le donne, così come gli uomini, siano curati per il proprio bene (e anche quello degli altri aggiungerei 😉 ) quello che però ci porta all’aridità spirituale è vivere solo di questo senza dedicare il giusto tempo e la giusta attenzione a ciò che davvero conta: LA NOSTRA ANIMA!

Ed ora passiamo a provocare gli altri! Qual’è l’ultima volta che abbiamo apprezzato qualcosa di semplice?
Spesso, sopraffatti dai mille stimoli che ci arrivano da una parte e dalla pigrizia dall’altro, smettiamo di apprezzare le cose belle che ci circondano e che ci succedono. Non abbiamo mai abbastanza di nulla e potremmo facilmente scrivere il nuovo “lamentazioni secondo noi… “
Notare le piccole cose, significa ritrovare o in alcuni casi trovare per la prima volta il piacere del particolare: la profondità del mare, la luminosità delle stelle, la gioia di un sorriso, il gusto di un buon gelato e persino il nuovo colore dei capelli della nostra fidanzata amica e sorella!!
Quando siamo poveri spiritualmente adottiamo un normale stato di difesa che non ci permette di utilizzare i nostri occhi in maniera appropriata! E’ un circolo virtuoso: più sei ricco spiritualmente più riuscirai a dimostrare i frutti dello Spirito che sono appunto amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fede, mansuetudine, autocontrollo (Galati 5:22) e solo in questo modo potrai vivere la pienezza che Lui ti ha già dato!

Infine quando puntiamo a vivere in Lui la ricchezza spirituale la nostra natura cambia e iniziamo a preoccuparci molto più per gli altri che per noi stessi. Gesù ha detto “AMA IL TUO PROSSIMO COME TE STESSO”, e a fronte di quello Lui ha fatto per noi è davvero poca cosa:

“Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca ma abbia vita eterna.”
GIOVANNI 3:16

LUI, LEI e L’ALTRO#8

BOYS&GIRLS è VENERDì! 😀
TRANQUILLI NON SIGNIFICA CHE OGGI NON POTETE MANGIARE PESCE (MANGIATE QUELLO CHE VOLETE 😉 ) MA RIECCO LA NOSTRA MITICA RUBRICA SU CIò CHE ACCADE ATTORNO A NOI E IN NOI, VISTO DALL’ALTRO, DA LEI, LASCIANDO L’ULTIMA PAROLA A LUI! 🙂

Sempre più giovani (e meno giovani) sono oggi colpiti come da una tagliente sciabola, dalla depressione. Per voi tutti che siete in questa situazione oggi ho una notizia meravigliosa:
DIO PUO’ LIBERARVI ANCHE DALLA DEPRESSIONE!

Molti e diversi da persona a persona sono i motivi che possono condurre alla depressione c’è però una caratteristica che accomuna tutti quelli che ne soffrono: l’insoddisfazione! Non sono soddisfatto del mio lavoro, della mia città, della donna/dell’uomo che ho accanto, di me stesso ecc..

Gli input che spesso arrivano a suggerire una soluzione sono: alcool, droga e/o una vita dissoluta; ci si illude che conducendo una vita priva di regole e di limiti si possa raggiungere la felicità per poi rendersi conto che si è sulla strada giusta per il bàratro più nero!

Nel Salmo 37:4 è scritto:
“Prendi il tuo diletto nell’ETERNO
ed Egli ti darà i desideri del tuo cuore”

Molti amano (a ragione direi) questo verso, peccato che spesso si faccia propria solo la seconda parte del verso quando è proprio nella prima che c’è la chiave di lettura dello stesso. Ma andiamo più a fondo e scopriamolo assieme.

A volte ci chiediamo come mai – in qualità di credenti – Dio non soddisfi i nostri bisogni nonchè i desideri del nostro cuore e ricorriamo al succitato verso.

Prendere il proprio diletto nell’Eterno non significa solo essere credenti o amare Dio, significa provare piacere, gioia e ogni tipo di soddisfazione nell’Eterno, nella Sua presenza e nelle Sue cose ed ecco che il verso magicamente si dischiude in tutta la sua bellezza: Quando siamo vicini a Dio e ci dilettiamo in Lui i desideri del nostro cuore proverranno direttamente dal Suo cuore e non potranno mai essere contrari alla sua volontà e come logica conseguenza “Egli ti darà i desideri del tuo cuore”.

Vorrei a questo punto soffermarmi un po’ di più su un paio di motivazioni che possono condurre alla depressione/ stati depressivi in quanto ritengo siano tra le cause oggi più diffuse.

1. L’incertezza del futuro dovuto in molti casi ad un lavoro precario o la mancanza di solide basi. Dio ci esorta ad aprire gli occhi per osservare che “gli uccelli del cielo: non seminano, non mietono e non raccolgono in granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete voi molto più di loro” (Matteo 6:26).

2. Una percezione sbagliata del se che porta ad esprimere giudizi troppo severi nei propri confronti, a sottovalutarsi fino ad arrivare a non accettarsi. Nel salmo 139:14 è scritto: “io ti celebrerò, perché sono stato fatto in modo stupendo; le tue opere sono meravigliose, e io lo so molto bene.” Ragazzi non voglio peggiorare il vostro stato depressivo 😉 ma sappiate che se disprezzate voi stessi disprezzate l’opera di Dio in voi che è invece meravigliosa. Abbiate una concezione sobria di voi stessi ed iniziate ad apprezzare la vostra UNICITà!

Concludo con un versetto in Matteo 11:28 che dice: “venite a me, voi tutti che siete travagliati e aggravati, ed io vi darò riposo.” Abbiamo il privilegio di lasciare a Lui le nostre preoccupazioni, ansie e problemi; andiamo da PAPA’ e Lui ci farà riposare tra le Sue braccia e ci darà l’intelligenza la forza e la pazienza per affornatare ogni situazione!

Dio vi benedica!